Giovane fuori e giovane dentro

Ieri mi son guardata allo specchio, con un briciolo più di attenzione rispetto al solito. Orrore! Una ruga profonda a lato della mia bocca. “Devo sorridere di meno” ho pensato. Mi riguardo seria. Oddio!! Un solco gigante sulla fronte. Immobile, devo stare immobile.

Rien à faire. Non c’è nulla da fare contro l’invecchamento. Dopo tutto è una normale funzione fisiologica che fa parte dell’accrescimento.

Ci sono però situazioni che possono accelerarlo. E’ risaputo. E altre frenarlo.

In generale lo stress, i fattori ambientali, il fumo e lo sforzo fisico estremo di endurance ripetuto nel tempo.

Impossibile annullarlo. Ma la bella notizia è che ci sono anche segreti per rallentarlo.

Partiamo dalla tavola: lo sapevi che gli alimenti vegetali, come frutta e verdura, sono ricchi di sostanze antiossidanti? Si chiamano polifenoli, sono delle piccole sostanze che danno il colore a frutta e verdura. D’inverno è difficile trovarli, sono più frequenti negli ortaggi estivi. Ma non ti dimenticare che l’inverno ha le mele, i kiwi, gli agrumi e, in genere, vegetali ricchi di vitamina C, dalla forte capacità antiossidante.

E poi non ti dimenticare dell’olio extravergine di oliva. Prezioso tesoro della nostra terra, ricco di polifenoli (anche se una buona parte finisce nelle acque reflue durante la spremitura delle olive) e acidi grassi favorevoli.

Come non mi stanco mai di ricordarti, alimentazione e allenamento viaggiano sullo stesso binario.

E allora, come dimostra l’équipe giapponese del ricercatore Yuki, ecco che anche l’attività fisica, e il conseguente dispendio energetico che ne deriva, si dimostra fondamentale per rallentare la degenerazione del lobo frontale e prevenire la demenza senile.

Il cervello, infatti, si suddivide in lobi, ciascuno con una specializzazione: quello frontale programma ed esegue il movimento, quello parietale si occupa della percezione delle sensazioni somatiche, quello occipitale della visione e quello temporale dell’udito, dell’apprendimento e della memoria.

Una buona dose di attività fisica, costante e programmata, ti aiuta a prevenire l’invecchiamento cerebrale.

L’élisir di lunga vita ce l’hai tra le mani: alimentati con colore, muovi il tuo stile di vita e…sorridi. Tanto!

PS Non sarà stata una grande atleta Coco Chanel (in foto) ma rimane pur sempre l’emblema del fascino e dell’eleganza.

BIBLIO:

http://journals.lww.com/acsm-msse/Abstract/publishahead/Relationship_between_Physical_Activity_and_Brain.98634.aspx

FOTO:

Coco Chanel da Google Images

Annunci

Informazioni su sporteat

PHD, Specialista in nutrizione e integrazione dello sport, responsabile Enervit Nutrition Center by Equipe Enervit. La mia vita è lo sport. Inizio a nuotare, vesto l'azzurro col canottaggio, mi diverto con la corsa a piedi, con la bicicletta e qualche volta anche con il triathlon. Vivo per lo sport. Sogno per la montagna
Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione, Allenamento e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...